MENU
Progarchives, the progressive rock ultimate discography
Progarchives, the progressive rock ultimate discography
The Balmung - Le Porte Della Noia CD (album) cover

LE PORTE DELLA NOIA

The Balmung

 

Rock Progressivo Italiano

3.73 | 26 ratings

From Progarchives.com, the ultimate progressive rock music website

ginaparis
4 stars Davvero tanta carne al fuoco in questo album dei The Balmung. Da questo quintetto esce una musica potente, unica, un vero e proprio cocktail di testi innovativi e mai banali. Un disco dove la psichedelia si abbraccia con il progressive creando un sound a sé. The Balmung nasce dalla passione dei componenti della band per i racconti medievali. Balmung è la spada di Sigfrido nella saga dei Nibelunghi, infatti la Suite, contenuta nell'album è dedicata all'eroe che uccise il drago. "Brown Jenkin", apre l'album con una melodica chitarra solista per raggiungere, poi, suoni più forti, verso un momento eterno, sognante, in cui "poter bere dalla sorgente l'acqua che serve per rimanere verde". Nel secondo brano, "St. Patrick's day", riecheggia la musica celtica che ci accompagnerà al terzo brano "Sogno Fugale", un pezzo che descrive un viaggio immaginario, verso un mondo psichedelico, dove "le fragole sono un miraggio e il cielo è rosa". Poi, "Il dono"che, con una potente chitarra, rappresenta una canzone di speranza nell'aiuto verso il prossimo. "L'essenza dell'umanità è donare a chi non ha". "Sola",un brano dominato da una chitarra blues, in una notte buia e calma e in un vortice di emozioni che ti accarezza con la sua mano muta. Un finale maestoso con un organo liturgico. "Quelli come me" il sesto brano dell'album, un brano di protesta contro questo mondo crudo ed egoista, un mondo incapace di considerare un uomo come tale la cui condizione è descritta con ironia accattivante. La canzone è poi caratterizzata da una parte vocale che riprende una scena dello storico film "il Marchese del Grillo", nello specifico Don Bastiano . "Frammenti di una vita" ? "mentre scende giù la pioggia, tra le righe di una poesia, tutta la storia, la mia". Una canzone sicuramente riflessiva e ricca di tanto sentimento. Segue, poi, un'immancabile Suite, la cui parte iniziale è caratterizzata da una chitarra che con un velo di tristezza manifesta il dolore di una battaglia, per poi giungere ad un rock aggressivo. Si intervalla con le note di un balletto di corte in stile valzer. Ad un tratto il suono delle spade che si sfidano all'unisono per poi riprendere un classico epic rock che si contrappone alla successiva sensazione di trovarsi in un poliziesco all'italiana. La suite termina con la tristezza e il dolore iniziale. Il penultimo brano, "Le porte della Noia" che è anche il titolo del disco. Un pezzo sicuramente complesso. In una travolgente illusione , luci ed ombre delle sirene creano vortici senza confini che ricordano i suoni di Santana, AC/DC e Pink Floyd. L'album termina con "Thoughtful Himalaya", un viaggio in Tibet che vede la formazione di note armoniche. Cosa dire ? lasciatevi emozionare dai The Balmung. Gina Paris
ginaparis | 4/5 |

MEMBERS LOGIN ZONE

As a registered member (register here if not), you can post rating/reviews (& edit later), comments reviews and submit new albums.

You are not logged, please complete authentication before continuing (use forum credentials).

Forum user
Forum password

Share this THE BALMUNG review

Social review comments () BETA







Review related links

Copyright Prog Archives, All rights reserved. | Legal Notice | Privacy Policy | Advertise | RSS + syndications

Other sites in the MAC network: JazzMusicArchives.com — jazz music reviews and archives | MetalMusicArchives.com — metal music reviews and archives